Perchè scegliere la casa famiglia?

Molti ci fanno questa domanda “ Perchè scegliere una casa famiglia e non assumere una badante?”

Questa domanda trova risposta in molteplici campi,vediamo di esaminarli:

1. In una casa famiglia il proprio caro non si trova solo, è in compagnia di altre persone in un ambiente piu' vicino ad una famiglia che in altri luoghi.
 

2. In una struttura come la nostra l'anziano mantiene l'autonomia e l'autosufficienza in quanto tutti i compiti che può svolgere sono sostenuti e incoraggiati dal personale

3. L' ospite non si sente un peso per la famiglia considerato che vive in un ambiente a se stante,con altri ospiti che hanno i suoi stessi problemi

4. Il famigliare può sentirsi utile svolgendo,se ne ritiene il caso,dei piccoli compiti per tutta la struttura (es:andare dal giornalaio,fare piccoli acquisti in esercizi nelle vicinanze, aiutare altri ospiti nella preparazione dei pasti,sparecchiare il tavolo etc.etc.)

5. La scelta di inserire un famigliare in una casa famiglia sgrava la famiglia stessa da molteplici preoccupazioni e compiti,che sono imprescindibili dalla situazione di solitudine del proprio caro,come ad esempio passare a trovare il genitore con piùo meno frequenza,spesa settimanale,acquisti in farmacia,certezza di assunzione di medicinali, propria ansia causata dalla situazione di solitudine della persona anziana e dell' impossibilità di essere onnipresente,visite mediche,ricette mediche etc..

6. Essendo una struttura di piccole dimensioni gli operatori possono garantire il benessere degli ospiti di giorno e di notte. Ogni giorno il personale monitora la pressione, aiuta l' ospite a svolgere quelle azioni che non può fare in autonomia,accompagna a visite mediche,sorveglia nelle ore nottorne.

7. Questione economica:si pensa che con una badante si spenda meno, ma non è così. Assumendo una badante con regolare contratto si spende molto di più; la spesa per un'assistente famigliare in convivenza per una persona autosufficiente è di 845,80€,a quali vanno aggiunti contributi (236,34€),ferie (89,97€),tredicesima mensilità (82,27€),t.f.r (79,22€) gestione lavoratore (20€) per un totale di 1353,60 euro.A questa somma vanno aggiunte altre voci come la sostituzione nei giorni in cui la lavoratrice usufruisce del riposo settimanale, la sostituzione nel periodo di ferie, varie indennità spettanti,scatti di anzianità etc.

Tutto questo solo per l'assunzione, ma se si aggiunge vitto per la badante e per l'assistita,affitto,spese condominiali,luce,acqua,gas,sostituzione con un'altra badante nei periodi di ferie o riposo la spesa risulta quasi il doppio rispetto alla nostra retta mensile,la quale è comprensiva di tutto.

Se si dovesse optare per un' assunzione “in nero” il discorso cambia: lo stipendio base mensile rimane invariato cosi come tutte le spese per la gestione della casa incluso affitto,spese condominiali,utenze,vitto ma con il reale rischio di intraprendere vie legali alla conclusione del rapporto di lavoro. Il costo di una causa per aver assunto un lavoratore “in nero” supera di gran lunga i 10,000€ sperando che tutto vada bene.

Per concludere la casa famiglia Le Primule offre un servizio non alla persona ma alle persone; agli anziani offre assistenza, incoraggia l'autonomia,dedica tempo a chi il tempo ha riservato la solitudine e promuove e garantisce il rispetto e dignità per le persone che decidono di far parte della casa;ai famigliari offre, tranquillità, serenità e spensieratezza:la tranquillità di lasciare il proprio caro in un ambiente qualificato e pronto ad ogni emergenza,la serenità di non dover più occuparsi da solo di tutte le incombenze e la spensieratezza di una pace ritrovata.